Dott. Fabio Gherardelli - Psicologo Psicoterapia breve - DISTURBI ALIMENTARI
Dott. Fabio Gherardelli - Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapia breve
DISTURBI ALIMENTARI
 
Immaginare il bene ci rende soltanto più sensibili al male. Il dente crudele del dolore non fa mai soffrire tanto come quando rode la ferita e non la taglia di netto.
                                                                                   William Shakespeare
 
 
 
I disturbi dell'alimentazione sono caratterizzati dalla presenza di intense alterazioni del comportamento alimentare.
Questa sezione di disturbi comprende due categorie specifiche, l'Anoressia Nervosa e la Bulimia Nervosa.
Caratteristico dell’Anoressia Nervosa è il rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra del peso minimo normale.
La Bulimia Nervosa è caratterizzata da ricorrenti episodi di “abbuffate” seguiti dall’adozione di mezzi inappropriati per controllare il peso, come il vomito autoindotto, l’uso di lassativi, diuretici o altri farmaci, il digiuno o l’attività fisica praticata in maniera eccessiva.
Caratteristica comune ad entrambi i disturbi, Anoressia Nervosa e Bulimia Nervosa, è la presenza di una alterata percezione del peso e della propria immagine corporea.
I disturbi dell'alimentazione che non soddisfano i criteri di nessun specifico disturbo vengono classificati come Disturbi della Alimentazione Non Altrimenti Specificati.
La semplice obesità, inclusa nella Classificazione Internazionale delle Malattie (ICD) tra le condizioni mediche generali, non compare nella classificazione del DSM-IV, poiché non ne è stata accertata l’associazione costante con alcuna sindrome psicologica o comportamentale.
La psicoterapia breve funziona molto bene per questi disturbi, in quanto va ad agire sui diversi fattori che mantengono e rinforzano il circolo vizioso nel presente senza andare a scavare nel passato remoto della persona. Fondamentale è modificare l'immagine corporea della persona, il suo rapporto con il cibo e i comportamenti che tendono a mantenere tale equilibrio patologico.
 
 
 
 
 
BIBLIOGRAFIA:
 
 
American Psychiatric Association (2002) Diagnostic and statistical manual of mental disorders. APA, Washington. 
 
Lyddon, W.J., Jones, J.V. (2002) L’approccio evidence-based in psicoterapia. McGraw-Hill, Milano.
 
Martin G., Pear J. (2000) Strategie e tecniche per il cambiamento. La via comportamentale. McGraw-Hill, Milano.
 
 
 
 
 
 
 
 
Psicologo a Reggio Emilia e Carpi (Mo)